Cherokee hacherata grazie ad un bug

In questi giorni l’argomento principale riguardante il gruppo FCA è senz’altro l’hackeraggio ai danni di una Jeep® Cherokee.

I due hacker, grazie all’utilizzo di un bug, sono riusciti letteralmente a prendere possesso della malcapitata vettura: grazie alle nuove tecnologie è stato possibile effettuare il carjacking in modalità wireless, anche se distanziati di diversi km.

Il sistema Uconnect permette all’auto di controllare il navigatore, riprodurre la musica e anche tracciare la posizione del veicolo con l’utilizzo di un cellulare integrato e tramite i VIN (Vehicle Identification Number), l’indirizzo IP e le coordinate GPS, oltre a marca e modello tracciare su Google Maps gli spostamenti delle automobili a diversi chilometri di distanza.

Gli hacker sono riusciti a riprogrammare il chip che gestisce il sistema multimediale ed installare un firmware che permette di inviare comandi attraverso la rete interna, prendendo quindi possesso dell’auto in pochi istanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.