GLI ANALISTI BOCCIANO LE PREVISIONI DI MARCHIONNE

Se Sergio Marchionne ha previsto che entro il 2014 Fiat S.p.a e Chrysler Group saranno in grado di vendere oltre sei milioni di vetture ogni anno, gli analisti invece non sono daccordo con le previsioni del manager italo-canadese: secondo le loro previsioni la società italo-americana riuscirà a commercializzare circa 4.9 milioni di vetture entro il 2014, ovvero oltre un milione di auto in meno rispetto a quanto stimato da Marchionne.
Gli analisti sono anche convinti che l’alleanza Fiat-Chrysler non sarà in grado di ottenere una rendita pari a 104 miliardi di euro entro il 2014, ma che il Gruppo si fermerà ad un utile di circa 98 miliardi di euro.
Infine secondo gli esperti del settore, per riuscire a raggiungere un simile ritmo di vendite (6 milioni di vetture l’anno), il Gruppo Chrysler e Fiat S.p.a dovrebbero acquisire il controllo di un’altra società o riuscire a stringere alcuni accordi per poter affermarsi anche nel movimentato mercato asiatico.

1 commento su “GLI ANALISTI BOCCIANO LE PREVISIONI DI MARCHIONNE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.